Congresso Nazionale Italiano 2019 | Abbadia Isola (SI)

Un Congresso da ricordare quello che si è svolto in Abbadia Isola (SI) da parte della Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe 2019 con la fattiva e preziosa collaborazione del Club di Siena. La manifestazione si è svolta all’interno di un Borgo Incantato alle porte di Monteriggioni, lungo la via Francigena; una cornice che per una mostra di bonsai non poteva essere migliore.
All’inaugurazione un banchetto conviviale con assaggi della vecchia tradizione culinaria toscana accompagnato da vini locali con l’immancabile Vin Santo e deliziosi dolcetti artigianali.

La mostra, che può essere definita ricca di soggetti: dai bonsai, ai kusamono ed ai suiseki, con le immancabili shitakusa, è risultata leggera ed allo stesso tempo promotrice di un alternarsi di emozioni grazie anche a una sapiente disposizione dei vari soggetti all’interno degli spazi espositivi.
Sabato e domenica, mentre si snodava il flusso continuo dei visitatori, si alternavano i soci esperti della Sakka con relazioni su vari argomenti che hanno attirato una grande affluenza di auditori.

Si è parlato di:
– tecnica di coltivazione delle azalee. (relatore Giorgio Raniero)
– allestimenti all’interno del tokonoma. (relatore Edoardo Rossi)
– varie tipologie di vasi, giapponesi e non. (relatore Igor Carino)
– coltivazione di kusamono e shitakusa. (relatrice Alfonsina Zenari)
– prove di allestimento nel tokonoma a cura di alcuni soci espositori.

A conclusione della mostra, in cui per tutta la durata ha regnato una atmosfera di grande serenità, soci e simpatizzanti si sono calorosamente congedati dandosi appuntamento al prossimo incontro di cui però non ne sveliamo la località ma, ne siamo certi, sarà una nuova location meravigliosa.

Giorgio Raniero



“Congresso Nazionale Sakka Kyookai Europe 2019, la mia prima esperienza in questa associazione. L’evento, organizzato dal club Siena Bonsai, si è svolto ad Abbazia a Isola, una frazione di Monteriggioni in provincia di Siena.
L’abbazia risale al 1001 e tra queste antiche mura di pietra, venerdì 24 maggio, tutti i soci partecipanti sono arrivati per consegnare i loro bonsai, suiseki, shitakusa e kusamono. Man mano che i partecipanti consegnavano gli elementi delle loro esposizioni i soci Nicola Crivelli e Enzo Ferrari iniziavano ad allestire gli spazi Sekikazari. Da quel momento ho iniziato a capire che non sarebbe stata la solita mostra di bonsai e suiseki.

Alla Sakka non è il proprietario a decide dove allestire il suo elemento, alla Sakka non viene indicato il nome dell’espositore né il nome dell’esposizione e non ci sono premi o menzioni, alla Sakka l’equilibrio e la bellezza non sono cose che riguardano solo il singolo allestimento ma la totalità della successione degli elementi esposti. Questo modo di organizzare e allestire mi ha fatto capire ancora meglio l’importanza che si dà agli elementi espositivi e non al proprietario; qui la natura è l’unica protagonista.
Il poter assistere alle decisioni di abbinamento tra bonsai, suiseki, kusamono e shitakusa è stata una vera e propria lezione sull’estetica per me. Ho potuto capire il perché di certe scelte e di certi accostamenti, il tutto si è svolto in un clima sereno e di amichevole confronto, ascoltando le varie idee e proposte delle persone che assistevano.

Finiti gli allestimenti, finalmente, ho potuto ammirare le mie e le altre esposizioni meravigliandomi della bellezza espressa nella totalità della mostra. Alcuni accostamenti mi hanno veramente emozionato facendomi amare ancora di più questo mondo.
Le varie conferenze che si sono svolte nei giorni successivi hanno arricchito, e non di poco, quella ancora ristretta conoscenza che ho su azalee, vasi, kusamono, shitakusa ed allestimento.
Per ultimo, ma non meno importante, hanno accresciuto la mia sensibilità nell’osservare e nel sentire le emozioni che può trasmettere una esposizione. Per finire, nell’ultima giornata di congresso, si sono allestite alcune esposizioni dei soci nello spazio del Tokonoma dandoci la possibilità di spiegare e confrontarci con tutti i presenti su quali elementi rendevano più belle, naturali ed emozionanti le nostre esposizioni, appunto.
È stato un grande momento di emozione per me, non essendo abituato a certe situazioni, ma anche questo prendere coraggio mi ha fatto crescere insieme ai consigli di Edoardo Rossi e le considerazioni dei presenti. Una bellissima esperienza che non vedo l’ora di ripetere.
Grazie a tutti per i sorrisi le chiacchiere e i ragionamenti sulle arti che più ci piacciono, e al club ospitante Siena Bonsai che ha fatto un magnifico lavoro, a presto.

Patrizio Chico

Congresso Nazionale Italiano 2019 | L’inaugurazione

Congresso Nazionale Italiano 2019 | Gli esemplari in mostra

Congresso Nazionale Italiano 2019 | Le attività

Congresso Nazionale Italiano 2019 | Il mercatino

English

The Congress held in Abbadia a Isola (in the Province of Siena) by Nippon Bonsai Sakka Kyookai Europe 2019 was a memorable one, benefiting from the active and invaluable assistance of the Siena Bonsai Club.
The event was held in a charming village near Monteriggioni, along the Via Francigena; you couldn’t find a better setting for a bonsai exhibition.he event opened with a convivial dinner, where guests were able to try traditional Tuscan cuisine, local wines, including the obligatory Vin Santo, and delicious artisanal sweet treats.

The event covered a wide range of topics, including bonsai, kusamono, suiseki and the obligatory shitakusa, expertly arranged within the exhibition spaces. The result was an event that inspired many feelings and yet at the same time was light-hearted and relaxed.
On Saturday and Sunday, with a continual stream of visitors, expert Sakka members spoke on various topics, attracting large audiences.

They spoke about:
– how to grow azaleas. (speaker Giorgio Raniero)
– arranging the tokonoma. (speaker Edoardo Rossi)
– various types of vase, Japanese and otherwise. (speaker Igor Carino)
– growing kusamono and shitakusa. (speaker Alfonsina Zenari)
– practising tokonoma arrangement with some exhibiting members.

There was a serene atmosphere throughout the event, and, at the end, members and supporters bid each other a warm farewell until the next meeting. Although the location has yet to be revealed, we are sure it will be somewhere special.

Giorgio Raniero



The Sakka Kyookai Europe 2019 National Congress was my first event as part of the association. It was organised by the Siena Bonsai Club and held in Abbadia a Isola, a small village near Monteriggioni in the Province of Siena.
The abbey dates back to 1001 and, on Friday 24 May, within its ancient stone walls, all the participating members submitted their bonsai, suiseki, shitakusa and kusamono. As the exhibits were submitted, members Nicola Crivelli and Enzo Ferrari began to prepare the Sekikazari. At this point, I began to realise this wouldn’t be any ordinary bonsai and suiseki exhibition.

At Sakka, the owners don’t decide where to set up their exhibits. At Sakka, neither the exhibitor’s name nor the exhibit’s name are given, and there are no prizes or mentions. At Sakka, equilibrium and beauty do not concern only the individual arrangements, but the entire series of exhibits. This way of organising and setting up helped me to better understand the importance given to the exhibits, rather than the exhibit owner; here, nature is the only star.
Experiencing first-hand the process of deciding how to arrange together the bonsai, suiseki, kusamono and shitakusa was a real lesson in aesthetics for me. I was able see the reason behind certain choices and combinations; it’s all part of a calm and good-natured interchange, in which the various ideas and suggestions of those present are heard.

Once the exhibition spaces were set up, I could finally admire my and the others’ exhibits, marvelling at the beauty of the exhibition as a whole. Certain combinations really moved me, and, as a result, I love this world more than ever. The various conferences held over the next few days greatly increased my still limited knowledge of azaleas, vases, kusamono, shitakusa and arranging.
Last, but not least, they made me more sensitive to observing and feeling the emotional impact that an exhibition can have. On the last day of the congress, some members’ exhibits were set up in the Tokonoma space, giving us an opportunity to explain and discuss with all those present which elements most enhanced the beauty, naturalness and emotional impact of our exhibits.
It was an exciting moment for me, unused to certain situations as I am, but finding the courage also helped me to grow, as did the advice of Edoardo Rossi and the reflections of those present. An incredible experience that I can’t wait to repeat.
Thank you to everyone for the smiles, chats and discussions on which artforms we liked best, and to the Siena Bonsai Club that hosted us and did such an amazing job. See you all soon.

Patrizio Chico